Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Citazioni

Fare il giro di Arunachala porta beneficio a prescindere dal fatto che tu ci creda o no. Così come il fuoco brucia tutto ciò che tocca, indipendentemente che lo si creda, così la collina influisce positivamente su chi le cammina intorno, pur se incredulo.

Ramana Maharshi, Ricordi Vol. I

Le Edizioni I Pitagorici sono una associazione, non a scopo di lucro, di aspiranti discepoli che prestano volontariamente e gratuitamente il proprio tempo e le azioni per le iniziative editoriali (traduzione, correzione, editing, grafica, distribuzione) necessarie a rendere disponibile la molteplice voce dell'unica Tradizione metafisica universale. La pubblicazione dei libri si accompagna e si coordina con le attività, i periodici e gli articoli delle associazioni collegate.

Il principio che muove le attività de I Pitagorici è quello esplicitato da Platone: chi, idoneo all'azione, alla devozione e alla conoscenza tradizionali ha avuto la grazia di avere udito le parole della Tradizione, non può non unire i propri sforzi a chi gli ha indicato la via, secondo il "liberamente ricevuto, liberamente dato". Indicare la via non consiste nel proselitismo, ma nel porgere a chi chieda, a chi cerchi, la possibilità di ascolto dell'insegnamento tradizionale. L'unione degli sforzi aiutano la maturazione attraverso il servizio, l'ascolto e la meditazione dell'insegnamento.
 

«Allora chi ascolta, se è veramente Filosofo, cioè idoneo alla filosofia e degno di essa, perché dotato di natura divina, pensa che quella di cui sente parlare sia una via meravigliosa, da imboccare immediatamente, perché non potrebbe vivere facendo altro. Quindi unendo i propri sforzi a quelli di colui che gli indica la via, non si dà pace prima di aver acquisito completamente il suo fine, o prima di aver raggiunto tanta forza da esser in grado, da solo, senza nessuno che lo guidi, di procedere su quella strada». (Platone, Lettera Settima, 340)